Come Presidente dell'Ordine dei Medici sapevo che avrei dovuto affrontare la morte dei colleghi.Momenti tristi. Ma non avrei creduto di dover affrontare la tua morte.

Chi scrive in questo momento non è il Presidente dell'Ordine dei Medici  a nome di tutto il Consiglio, che pure si stringe nel cordoglio, ma è Paola, che ha lavorato con te per circa venti anni.

Ho avuto modo quindi di conoscerti in molte sfaccettature, inizialmente come professionista serio, preciso, puntuale, umano.

Poi ti ho apprezzato come uomo eticamente corretto,che ha mostrato e vissuto coerentemente le proprie scelte di vita.Il tuo impegno nell'Ordine (Vicepresidente per due mandati) e nel Sindacato dimostrano attenzione ai problemi dell'altro, alla condivisone, al modo di vivere da “ civis”, inteso nella sua accezione più ampia. Poi ho apprezzato l'amico, pronto a condividere gioie, soddisfazioni e difficoltà con  sensibilità, allegria e ironia.

Non so come sarà domattina entrando in reparto.

Ci mancherai.

Paola Pasqualini

Presidente dell'Ordine dei Medici e Odontoiatri della  Provincia di Grosseto

torna all'inizio del contenuto